Il nostro nuovo caffè monorigine di alta qualità, 100% Arabica, proveniente dall'Uganda

Il nuovo caffè PÅTÅR è un’edizione speciale monorigine, 100% Arabica, proveniente dalla regione del Nilo Bianco in Uganda. Nasce dalla collaborazione di IKEA con migliaia di piccoli coltivatori - IKEA

Il nostro nuovo caffè monorigine di alta qualità, 100% Arabica, proveniente dall'Uganda

L’Uganda è il maggiore esportatore di caffè dell’Africa, ma le dimensioni medie di una coltivazione di caffè sono inferiori a 0,25 ettari, pari a un quarto della grandezza di un campo da calcio. Non è facile gestire un’attività redditizia con così poche risorse. Per favorire l’indipendenza economica degli agricoltori e diffondere metodi di coltivazione più sostenibili, IKEA ha deciso di aderire a un progetto regionale per la produzione del caffè. Il risultato di questa iniziativa è il primo caffè monorigine della nostra Bottega Svedese: chicchi 100% Arabica provenienti dalla regione del Nilo Bianco. Un caffè speciale con un gusto unico, creato in collaborazione con migliaia di piccoli coltivatori.

Un caffè davvero buono

Noi di IKEA siamo sempre alla ricerca di imprenditori sociali o modelli di business che condividano la nostra visione. Un esempio è il progetto del Nilo Bianco, dove vediamo l’opportunità di una partnership a lungo termine in grado di contribuire a uno sviluppo positivo. Il progetto è stato avviato quasi 20 anni fa per promuovere la coltivazione di caffè di alta qualità Arabica in una regione tradizionalmente nota per la produzione di chicchi di qualità inferiore. Sostenendo questa iniziativa, favoriamo l’indipendenza economica degli agricoltori e delle loro famiglie.

PÅTÅR edizione speciale è un caffè monorigine di alta qualità a tostatura media, dal sapore fresco e fruttato, con note di vaniglia e cioccolato.

Incontra i coltivatori di caffè nella regione del Nilo Bianco che coltivano i fagioli per il nostro caffè speciale PÅTÅR.

L’inizio di una lunga partnership

Con il nostro impegno a lungo termine nei confronti dei coltivatori di caffè Arabica della regione del Nilo Bianco, abbiamo creato una partnership vantaggiosa per tutte le parti coinvolte. Il caffè PÅTÅR non è un’iniziativa di beneficenza, ma un’opportunità di business. Insieme ai nostri fornitori e attraverso i negozi IKEA, gli agricoltori possono vendere il proprio prodotto e noi possiamo gustare un caffè di ottima qualità.
Tuttavia, dato che la quantità di caffè Arabica della regione del Nilo Bianco non è sufficiente a rifornire tutti i negozi IKEA del mondo, questa edizione speciale viene venduta solo in alcuni paesi selezionati. In futuro, con lo sviluppo delle coltivazioni, speriamo di poterlo offrire in sempre più paesi.

Due operaie del progetto del caffè White Nile in Uganda hanno caffè durante una pausa.

L'uguaglianza di genere è un aspetto importante dell'empowerment economico. Circa un terzo degli operai sono donne.

Agricoltura per il futuro


Crediamo nell’importanza dell’inclusione di donne e giovani per garantire loro fonti di reddito sostenibili. Il progetto del Nilo Bianco favorisce una suddivisione più equa delle responsabilità sia nelle aziende agricole che nelle famiglie, offrendo l’accesso condiviso alle risorse per aumentare l’indipendenza delle donne. Ma questa iniziativa vuole risolvere anche le sfide quotidiane: per esempio, la possibilità di avere acqua direttamente negli stabilimenti di lavorazione del caffè evita alle persone di affrontare un lungo e a volte pericoloso cammino per andare a prenderla altrove. 

Un caffè che fa la differenza

Come tutti gli altri caffè della serie PÅTÅR, anche l’edizione speciale ugandese è certificata UTZ e biologica, secondo gli standard UE. Questo implica rendimenti più alti, guadagni maggiori e migliori condizioni di vita per i coltivatori, oltre alla salvaguardia dell’ambiente e delle risorse naturali come acqua, terra e aria.

Puoi conoscere l’origine del tuo caffè e avere maggiori informazioni sulle piantagioni dove sono cresciuti i chicchi, visitando il sito, utz.org/IKEA

Ti potrebbe interessare anche: