Cinque miti sul sonno

Molti credono che il sonno più salutare sia quello che precede la mezzanotte. Ci sono molti miti sul sonno. Ma saranno veri? Abbiamo fatto una ricerca... ecco i risultati.


1

Tipi di sonno: gufo o allodola?

Esistono i tipi mattinieri e i dormiglioni. La scienza ha a lungo creduto che ogni individuo si potesse assegnare a una di queste due categorie.

La realtà è che circa la metà delle persone non è classificabile in maniera univoca. Può capitare che il tuo ritmo veglia-sonno si collochi a metà tra il tipo dormiglione e quello mattiniero. Oppure che rientri a volte nell’una, a volte nell’altra categoria.


2

Senza nulla addosso si dorme meglio

Anche tu adori dormire senza nulla addosso nelle roventi notti estive? È comprensibile. Eppure i medici consigliano di indossare almeno degli indumenti leggeri. L’importante è che non siano attillati e che impediscano al corpo di raffreddarsi.


3

Nel sonno non fai nulla

Ogni sera andiamo a letto e la mattina seguente ci svegliamo, senza che ci ricordiamo – eccetto qualche sogno – le ultime ore trascorse. Ecco perché alcuni di noi considerano il sonno uno stato passivo, eppure è risaputo che il sonno è un processo altamente attivo, guidato dal cervello. Del resto, mentre dormiamo consumiamo quasi la stessa quantità di energia che da svegli.


4

Il sonno che precede la mezzanotte è il più riposante

Il lasso temporale in cui dormi è meno importante rispetto al ritmo del tuo sonno e alla sua profondità. In generale, possiamo affermare che la prima parte della notte è la più importante e riposante, e questo indipendentemente che si vada a letto prima o dopo la mezzanotte.


5

App per la sveglia e i sogni

Sleep Cycle, Diario dei sogni o Sleep better? Esistono numerose app che promettono di misurare il sonno e così di influenzare positivamente la qualità del sonno e il risveglio mattutino. In questo modo sostengono di poter favorire un sonno salutare. Tuttavia, i risultati vanno presi con le pinze. Di notte, la cosa migliore è mettere a dormire anche il tuo smartphone, in modalità aereo.


Ti potrebbe interessare